ENCORK: una tecnologia innovativa per rilevare il "sentore di tappo"

Innosensor è uno dei partner di ENCORK, un progetto europeo nell'ambito del settimo programma quadro (FP7) "Research for the benefits of SMEs" finalizzato allo sviluppo di un naso elettronico per la rilevazione di aloanisoli nei tappi di sughero, i contaminanti che causano il sentore di tappo nel vino.

La tecnologia ENCORK analizzerà i tappi subito prima dell'imbottigliamento, scartando quelli contaminati. Questo sistema permetterà ai produttori e imbottigliatori di vino un migliore controllo sulla qualità dei propri prodotti.


Per saperne di più...
Il cosiddetto "sentore di tappo" nel vino è un difetto associato alla presenza di aloanisoli (in particolare il 2,4,6-tricloroanisolo o TCA) in concentrazioni maggiori di 2ppt (2ng/l) che degradano gli attributi sensoriali del vino.
Il problema della contaminazione dei tappi in sughero interessa circa il 5% del vino imbottigliato e provoca grandi perdite nel settore vinicolo, che si ripercuotono negativamente anche sui produttori di sughero. Sebbene le querce da sughero non siano l'unica fonte di contaminazione da TCA, il sughero è, in effetti, il carrier principale. Poiché il tappo di sughero rappresenta la scelta preferita sia dai consumatori che dai produttori, lo sviluppo di questa tecnologia innovativa è di notevole impatto nei mercati di interesse.
Il sistema ENCORK è basato sul cosiddetto naso elettronico, un sistema sensoriale che consente la rilevazione di composti volatili organici anche a concentrazioni molto basse. Questa tecnologia potrà essere applicata per analizzare ogni tappo prima che venga inserito e scartando quelli che hanno un livello di contaminazione sopra una certa soglia.
La basi tecnologiche del sistema ENCORK già esistono, ma è necessario ottimizzare la realizzazione, migliorare la velocità dell'operazione e diminuire i costi di fabbricazione, per renderlo competitivo.

La realizzazione di un sistema che possa impedire l'uso di tappi contaminati nelle bottiglie garantirebbe un impatto positivo sia sulla soddisfazione dei consumatori di vino che sulla confidenza da parte dei produttori nell'uso del sughero come materiale di preferenza per i tappi, con significative ricadute economiche sia per il settore del vino che per i produttori di sughero, un'economia piuttosto ampia nei paesi del mediterraneo.